· 

Scopriamo di più sul caffè. Fa bene o male alla salute?

Dr.patrizia Colbertaldo  06 45473152

drcolbertaldo@nmhstudi.com

Il caffè fa bene o male alla salute?

La verità sul caffè

Nel mio approccio alla salute con la medicina naturopatica provo sempre a sperimentare su di me tutti gli studi e le cose che leggo perchè per carattere amo conoscere e verificare . Chi mi segue sa che mi occupo prevalentemente di alimentazione e dimagrimento e anche in questo campo si legge e si sente dire di tutto, pertanto ho dovuto provare più o meno tutto per arrivare a creare dei piani alimentari mirati che facciano davvero perdere peso e stare in salute. E io sono il mio primo paziente! Non sempre sono diligente ma mi applico!So che il caffè non è un toccasana per me e conosco gli effetti del vivere "schiavi" del caffè come gli effetti della disintossicazione del caffè e del totale evitamento della bevanda più amata da noi italiani e non solo.Prendiamo il caffè con la credenza che ci da energia e ci aiuta a farci sentire meglio.In effetti per qualcuno può essere vero, ma per qualcun'altro no. E questo è proprio il mio caso. A me il caffè non fa bene ma mi piace immensamente e soprattutto a volte lo bevo e via via riprendo l'abitudine.E a volte lo tolgo di nuovo. Quando lo tolgo, la prima cosa che sperimento è un gran mal di testa. Infatti togliere il caffè dalle proprie abitudini quotidiane non è facile soprattutto se si è dei grandi bevitori di caffè.E quando ne ho bevuto di più mi sono sentita comunque stanca se ero stanca, quindi devo dire che su di me non ha proprio molti effetti sui miei livelli di energia. La letteratura naturopatica mi ha insegnato vizi e virtù di questa bevanda e vorrei condividerli con voi.

Perchè desideriamo così tanto il caffè?

Il caffè contiene caffeina. E la caffeina è una sostanza che crea dipendenza.Difficile da ammettere ma il caffè e la caffeina sono una vera e propria droga.La caffeina è nel caffè, nel cioccolato,nel tè, nella coca cola e in altre bevande analcoliche.Una tazza media di caffè contiene circa 16 milligrammi di caffeina. Se ne beviamo tre tazze al giorno ( che è la media di noi italiani), assumiamo più di 500 milligrammi di caffeina, che è il doppio della quantità raccomandata.Un tè forte ne ha circa 40 milligrammi e la coca cola 45 milligrammi.

Come agisce la caffeina?

Poco dopo aver bevuto o mangiato qualcosa contenente caffeina, questa sostanza viene assorbita attraverso l'intestino tenue e va nel flusso sanguigno. La sua natura chimica la rende in grado di penetrare nella barriera emato-encefalica ed entrare nel cervello, dove si svolge la maggior parte della sua azione.Una volta nel cervello, la caffeina è bloccata dai recettori dell'adenosina. L'adenosina normalmente attiva i suoi recettori che causano una reazione a catena che ci fa sentire stanchi. La caffeina agisce prima raggiungendo quei recettori e impedendo ai recettori di essere in grado di accettare l'adenosina. Senza l'attivazione dell'adenosina il recettore non sarà in grado di innescare la sensazione di stanchezza. Inoltre, alcuni degli stimolanti naturali del cervello, come la dopamina, funzionano in modo più efficace quando i recettori dell'adenosina sono bloccati e tutta l'adenosina in eccesso che si trova nel cervello spinge le ghiandole surrenali a secernere adrenalina, un altro ormone stimolante.Indipendentemente dalla spiegazione scientifica del funzionamento della caffeina nell'organismo, una cosa è certa, e cioè la caffeina ci rende meno stanchi e più vigili. E con i ritmi di lavoro quotidiani sommati agli impegni familiari, abbiamo bisogno di sempre più energia e ci rivolgiamo prevalentemente  alla caffeina per aiutarci. Ma quali sono gli effetti collaterali a lungo termine dell'assunzione di una droga come la caffeina, che provoca dipendenza?

Perchè la caffeina è così dannosa per la salute?

Quello che succede è che le persone che consumano caffè, tè, bibite o bevande energetiche con caffeina ogni giorno, alla fine hanno un adattamento del cervello, la cui chimica risulta alterata. Come accennato in precedenza, i recettori dell'adenosina controllano la sensazione di stanchezza. Con più recettori avremo bisogno di maggiori quantità di caffeina per bloccarli o finiremo per sentirci ancora più stanchi. Inoltre, gli studi indicano che la caffeina induce il cervello a ridurre il numero di recettori della noradrenalina, il nostro stimolante naturale che ci dà energia. In altre parole: bere caffè a breve termine ci fa sentire più energia, ma a lungo termine ci fa sentire più stanchi.

Tutti gli effetti del caffè sull'organismo

Sebbene la ricerca ci dia pareri contrastanti, la caffeina è un fattore determinante nell'ipoglicemia reattiva, nell'ansia,negli attacchi di panico,nella depressione, negli sbalzi di umore, nell'ipertensione,nelle alterazioni fibrocistiche del seno, nella riduzione della fertilità, nel mal di testa, nelle aritmie cardiache e nel reflusso acido. Un elenco piuttosto lungo di controindicazioni per chiunque abbia uno dei problemi sopra menzionati o per chiunque cerchi di evitarli.

E i problemi del caffè non sono soltanto questi; infatti la caffeina ha altri effetti spiacevoli e indesiderabili tra cui:

 

 

1.Esaurisce il magnesio: la caffeina impedisce al magnesio di essere assorbito nel corpo, e il magnesio è un minerale molto importante per l'organismo, perchè è coinvolto nel rilassamento muscolare, pertanto se hai dolori muscolari il caffè potrebbe esserne responsabile. Inoltre dovresti assolutamente evitare il caffè se soffri di fibromialgia, perchè i pazienti fibromialgici hanno il 20%  in meno di magnesio!

 

2.Esaurisce le vitamine del gruppo B: la più comune è la B1, responsabile del metabolismo energetico, della sintesi proteica e della funzione del sistema nervoso. La carenza di questa vitamina causa stanchezza e mal di testa.

 

Pesticidi: Purtroppo è vero. I coltivatori di caffè usano più pesticidi sulle piante di caffè che su qualsiasi altra coltura.

 

Nitrosammine: queste sostanze presenti naturalmente nel caffè sono le stesse sostanze cancerogene presenti nella pancetta e in altri salumi.

 

Disidratazione: la caffeina è un diuretico. Per ogni tazza di caffè che bevi perdi una tazza d'acqua. E l'organismo può andare incontro a disidratazione.

 

 

Esaurimento surrenalico: ti senti estremamente stanco? Ricorda che  le ghiandole surrenali secernono l'adrenalina che è un ormone stimolante. Il problema è che alla fine le ghiandole surrenali iniziano a funzionare meno per l'eccessiva stimolazione prodotta dall'assunzione di caffè.

 

Interagisce con i processi digestivi : la risposta del corpo al caffè è quella di deviare il sangue dallo stomaco.Per questa ragione il caffè non andrebbe mai assunto durante i pasti perchè il cibo rimane nello stomaco e fermenta causando putrefazione e impedendo l'assorbimento di minerali e vitamine.

 

Acidità: la natura acida del caffè nel tempo uccide molti batteri sani nello stomaco. E i problemi di salute associati alla riduzione dei batteri buoni sono tra gli altri: acne, costipazione, diarrea, raffreddori e influenza ricorrenti, colite, sindrome dell'intestino irritabile, e fibromialgia.

 

Alterazione dell'insulina: la caffeina fa aumentare leggermente i livelli di zucchero nel sangue. L'aggiunta di zucchero e latte al caffè peggiora ulteriormente questo aumento di zucchero nel sangue. Quello che succede è che gli zuccheri vengono quindi rimossi rapidamente dal sangue nelle cellule attraverso l'insulina, ma l'effetto è una carenza di zucchero nel sangue (ipoglicemia reattiva) che si verifica dopo avere bevuto il caffè. Ecco perchè si desidera più zucchero e si finisce per sentirsi più stanchi (un po' come avviene con le farine). Il che innesca un circolo vizioso.

Il caffè ha delle proprietà benefiche per la salute?

Si. Perchè è un antiossidante, ed è anche associato ad una  ridotta incidenza di alcune malattie croniche, in particolare alla cistifellea, ma anche il morbo di Parkinson e il diabete di tipo 2. Ma il tè verde ha lo stesso effetto con molta meno caffeina e una varietà molto più ampia di bioflavonoidi, antiossidanti e proprietà anti-cancerogene e quindi è una scelta di gran lunga migliore! 

Quali sono le alternative al caffè?

Inizia a ridurre la tua dipendenza dalla caffeina sostituendo il caffè con tè verde e tisane.E bevi molta acqua. Ti aiuterà a idratarti e ad evitare il fastidioso mal di testa che si verifica con la riduzione e la sospensione del caffè, che dovrebbe comunque essere fatta gradualmente in quanto come vi ho detto, la caffeina agisce come una vera e propria droga.

Ci sono delle alternative naturali per avere più energia?

Ci sono molti modi più sani per sostenere l'organismo e sperimentare più energia. Dalla dieta quotidiana, all'esercizio fisico, ad alcuni integratori vitaminici ed estratti di erbe che possono aiutarti a sentirti meno stanco e a fare fronte a tutti gli impegni quotidiani e anche allo stress, senza alcun effetto collaterale.


Per quanto detto, caffè e caffeina non sono una buona soluzione a lungo termine per far fronte alle richieste quotidiane di energia del nostro organismo.  È ampiamente documentato che la caffeina   ha molti effetti collaterali negativi e altera la chimica naturale del cervello causando anche seri problemi all'organismo.Inoltre la caffeina rende più stanchi se assunta nel lungo periodo. Sebbene il caffè abbia alcuni effetti benefici sulla salute, gli effetti negativi sono molti di più, e per molte persone sarebbe un'ottima idea eliminarlo per sempre dalle proprie abitudini quotidiane.