· 

Siamo sempre più allergici, e non è più un fenomeno che riguarda solo la primavera...

Come combattere e guarire le allergie

Combatti le allergie fin da adesso

Sebbene la stagione delle allergie sia tipicamente la primavera, adesso sempre più persone soffrono di allergie e vengono pesantemente colpite anche in autunno e in inverno.I sintomi delle allergie, per chi ne soffre, possono essere estremamente debilitanti e sicuramente fastidiosi.Dagli occhi che si arrossano e prudono, al naso chiuso e alla iperproduzione di muco, agli starnuti costanti, le allergie stanno diventando una vera e propria epidemia dei nostri tempi, e sono sempre più in aumento nei paesi sviluppati. Solo negli ultimi 20 anni il numero delle persone che soffrono di allergie è infatti triplicato!E purtroppo per chi ne soffre, non è più un problema solo stagionale, ma un problema di salute a lungo temine, che di solito inizia nell'infanzia, e che può durare anche per tutta la vita.

Cosa causa le allergie?

Le allergie, anche quando sono stagionali, andrebbero trattate nel lungo periodo e la prevenzione dovrebbe cominciare prima dell'arrivo della primavera.Le allergie si manifestano perchè vengono prodotti dal corpo anticorpi allergici (IgE) contro determinate sostanze chiamate allergeni. I sintomi dell'allergia possono essere presenti tutto l'anno e portare a sviluppare la cosiddetta rinite allergica, perenne.I maggiori allergeni, a parte i pollini stagionali, sono gli acari della polvere, le muffe e i peli degli animali domestici.Nelle persone sensibili a questi allergeni, l'esposizione provoca il rilascio di sostanze chimiche come l'istamina nei condotti nasali, negli occhi e nelle vie respiratorie.Da questo ne deriva l' infiammazione e l' irritazione di occhi, naso e gola.

Le allergie stagionali e la febbre da fieno sono in realtà un disturbo immunitario caratterizzato da una risposta allergica inappropriata al polline e alle altre sostanze allergeniche sopra menzionate. L'infiammazione è normalmente un evento benefico ed essenziale nel corpo, perchè è la risposta del sistema immunitario alle lesioni e alle infezioni dei tessuti e garantisce che il corpo si riprenda dai danni e che continui a funzionare correttamente. Tuttavia, questa risposta dovrebbe essere di breve durata, ma per le persone allergiche può invece andare avanti per mesi e anche anni.

La migliore difesa: Evitare i fattori scatenanti

Il modo migliore per combattere un attacco allergico è evitare di entrare in contatto con gli allergeni. I sintomi possono spesso essere prevenuti evitando i "fattori scatenanti" dell'allergene. Ecco alcuni suggerimenti utili:

 

1) Chiudi le finestre e le porte, e usa l' aria condizionata assicurandoti che i filtri siano stati puliti.

 

2) I livelli di polline sono più alti al mattino, quindi se hai delle allergie stagionali, esci il pomeriggio e la sera.

 

3) Cambiati i vestiti dopo essere rientrato a casa.

 

4) Fatti il bagno prima di dormire per tenere lontano il polline da cuscini e lenzuola.

 

5) Lavati sempre le mani se accarezzi un animale. 

Come sapere a cosa siamo allergici?

Il test allergologico di solito non è richiesto nella semplice febbre da fieno perché le sostanze scatenanti possono essere facilmente identificate dalla storia di quando e dove si verificano i sintomi. Tuttavia, in alcuni casi un medico o un allergologo potrebbe usare un test cutaneo o un esame del sangue per scoprire esattamente a cosa sei allergico. Ciò è particolarmente importante in alcuni trattamenti di desensibilizzazione utilizzati dagli allergologi. Se vuoi scoprire a cosa potresti essere allergico, chiedi al tuo medico naturopata o al tuo allergologo di farti eseguire un test. 

 

Come si possono combattere le allergie con la medicina naturale?

La medicina naturopatica ha molti strumenti per aiutarti a combattere le allergie.Le terapie naturali a disposizione sono diverse.Vediamo le principali:

 

Terapia di integrazione: Ci sono molti integratori che hanno dimostrato di ridurre notevolmente le allergie stagionali e non, e che sono efficaci per ridurre  i sintomi allergici. Vediamo i principali:

Quercetina

La quercetina è un antiossidante derivato da mele e cipolle e ha dimostrato di prevenire il rilascio di istamina, che è responsabile di molti sintomi allergici. Riduce inoltre anche il numero di cellule nel sangue che contribuiscono alle risposte allergiche. La quercetina infatti inibisce i livelli elevati di IgE, l'anticorpo responsabile delle reazioni allergiche, e  anche l'ostruzione bronchiale nell'asma allergica.

Vitamina D

Un altro integratore importante di cui tenere conto per chi soffre di allergie, è la vitamina D. Sarebbe pertanto importante dosarne i livelli nell'organismo, perchè secondo recenti ricerche è stato dimostrato che le persone carenti di questa vitamina sono maggiormente a rischio di allergia.

Omeopatia

La medicina omeopatica può essere utilizzata come strumento preventivo prima della stagione delle allergie per evitarne l'insorgenza. Inoltre, può anche essere utilizzata quando una persona soffre già di allergia. 

Alimentazione

Come regola generale, aggiungere gli Omega 3 alla dieta può essere molto utile per ridurre i sintomi delle allergie. Eccellenti fonti di acidi grassi omega-3 sono i semi di lino, il cavolo, il cavolfiore, le noci, i cavolini di Bruxelles, i fagiolini, i broccoli, la rapa,  e ovviamente il pesce e i suoi oli, che possono essere assunti anche sotto forma di capsule.

Gli zuccheri raffinati dovrebbero essere evitati in quanto formano muco, così come i prodotti lattiero-caseari  che contengono  anche acidi grassi omega-6, che si ritiene peggiorino i sintomi delle allergie. Eliminare del tutto i prodotti lattiero-caseari probabilmente gioverebbe in modo significativo alla riduzione e anche alla eliminazione delle allergie, ma si dovrebbe andare da un medico o un naturopata esperto,  in maniera da assicurarsi di avere una dieta che preveda una buona dose di calcio, assumendo anche degli eventuali integratori naturali. Tra gli alimenti ricchi di calcio ci sono le noci,  le verdure (come il cavolo, il cavolo cinese, gli spinaci, le mandorle, solo per citarne alcune) e il pesce (soprattutto il salmone).I bambini, le donne in gravidanza e in allattamento e le persone affette da osteoporosi  hanno bisogno di notevoli quantità di calcio, pertanto a maggior ragione, in questi casi l'assunzione di calcio deve essere raccomandata da un medico.  Se scegli di evitare i latticini, puoi anche usare in sostituzione, latte di mandorle e latte di riso addizionato di calcio. 

Terapia desensibilizzante

Alcuni allergologi e naturopati, possono identificare i tuoi allergeni e aiutarti a desensibilizzarli attraverso varie tecniche moderne. Esistono diversi tipi di terapie di desensibilizzazione. Chiedi al tuo allergologo o al tuo naturopata quale test potrebbe essere più indicato per te.


Scrivi commento

Commenti: 0